Cammimo Neocatecumenale

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è madonna1.jpg

Il Cammino Neocatecumenale è’ un itinerario di formazione cristiana che attraverso la Parola di Dio, l’Eucaristia e la comunione fraterna, conduce alla riscoperta del proprio Battesimo.
Nel 1964, Francisco (Kiko) Argüello, un pittore nato a León (Spagna), e Carmen Hernández, laureata in chimica e formatasi nell’Istituto Misioneras de Cristo Jesús, si incontrano tra i baraccati di Palomeras Altas, alla periferia di Madrid. Dopo tre anni, in questo ambiente composto soprattutto da poveri, si forma una sintesi kerigmatico-catechetica che, sostenuta dalla Parola di Dio, dalla Liturgia e dall’esperienza comunitaria, e sulla scia del Concilio Vaticano II, diventerà la base di ciò che il Cammino Neocatecumenale porterà in tutto il mondo.
Nel 1968 Kiko  e Carmen  furono invitati in Italia da mons. Dino Torreggiani (1905-1983), fondatore della congregazione religiosa Servi della Chiesa, il quale scrisse una lettera di presentazione per il cardinale Angelo Dell’Acqua (1903-1972), allora vicario di Paolo VI. Andarono a vivere nelle baracche del Borghetto Latino a Roma e avviarono il Cammino nella parrocchia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento e Santi Martiri Canadesi, nel quartiere Nomentano, ed in seguito in molte altre parrocchie della città. Da Roma il movimento si diffuse successivamente in molte altre diocesi di Italia e del mondo.
Nel 1973 il Cammino Neocatecumenale inizia anche in Campania, già nei primi anni in Italia, Kiko e Carmen furono in Campania, e precisamente una prima tappa fu a Pompei per deporre ai piedi della Vergine Maria le intuizioni che Ella stessa aveva suscitato negli iniziatori.
Successivamente varie équipe itineranti si avvicendarono nella formazione di comunità neocatecumenali nelle parrocchie dove erano richieste. Ricordiamo una prima équipe proveniente da Roma, formata da Egidio, Pina, Padre Giuseppe e Maura, che evangelizzarono, nella parrocchia dell’Immacolata a Tavernanoce di Volla, a Torre Annunziata ed a Fuorigrotta; nel 1976 si alternarono con un équipe formata da Nazareno e Cuca Cometto, Padre Giuseppe e Alessandro che evangelizzarono della Sacra Famiglia, San Giacomo degli Italiani e Santa Maria del Buon Cammino.
Nel 1977 arrivarono a Napoli Patrizio Astorri e Marisa Grisostomi con Nadina e lo stesso Padre Giuseppe, da questi piccoli nuclei nati in quegli anni, il Cammino Neocatecumenale si è diffuso in: 24 Diocesi della Campania con circa 800 comunità in 223 Parrocchie.
Il giorno 27 marzo 1977 il Cammino Neocatecumenale, nasce anche  nella nostra Diocesi, grazie all’allora parroco don Ciro Donnarumma, che su suggerimento del Vescovo Mons. Raffaele Pellecchia chiese di portare questa nuova esperienza a Castellammare e così i catechisti: Patrizio e Marisa, con Nadina e Padre Giuseppe, vennero ad annunciare delle catechesi, con molta semplicità e povertà.  Da allora, tutti gli anni è stato fatto l’annuncio delle catechesi ed oggi, ringraziando il Signore, nonostante tante fusioni sono presenti in parrocchia ben 14 comunità, formatesi negli anni ed oggi presiedute e seguite da don Francesco Saverio De Pasquale, che succede a don Ciro e don Vincenzo Donnarumma dal 1 settembre 2009.
Dalla Parrocchia San Marco Evangelista il cammino é stato diffuso in quasi tutta la Diocesi